AIAB Umbria AIAB UMBRIA associazione italiana per l’agricoltura biologica

Menu header:

Home  |  Contatti

Sei in :   Home  /  Godo  /  COMITATO DI VALUTAZIONE DEL GODO UMBRIA  /  Ottobre 2014 - Report

Ottobre 2014 - Report

Il primo argomento trattato durante l’incontro del 31 ottobre presso la sede di Aiab Umbria, riguarda la qualità dei prodotti freschi (frutta e verdura) distribuiti al GODO nei mesi estivi e in questo periodo di passaggio all’orto invernale. Assistiamo all’alternarsi di due pareri contrastanti:

da una parte ci sono alcuni consumatori che definiscono “in miglioramento” sia la qualità dei prodotti che il superamento dell’annoso problema di limitata corrispondenza tra prodotti ordinati e prodotti realmente ritirati al gruppo d’acquisto;

dall’altra parte, invece, c’è un nucleo di consumatori che ha abbandonato l’idea di acquistare determinate referenze perché definite di scarsa qualità o che addirittura ha smesso di fare la spesa per questo ed altri problemi quali la scomodità degli orari e l’assenza di fedeltà nei confronti del sistema GODO.

Probabilmente è il livello contenuto dei prezzi che Aiab riesce a mantenere, ad attirare i consumatori che vogliono acquistare prodotti biologici, quindi lo spirito e gli ideali alla base del gruppo d’acquisto secondo tali presupposti sembrerebbero non reggere più. In realtà, forse, neppure si può più parlare di gruppo dal momento che non c’è molta condivisione nel lavoro né partecipazione dei soci. Ad onor del vero negli ultimi tempi ad ogni richiesta di aiuto da parte dell’organizzazione c’è stata una buona risposta e disponibilità sia nella preparazione delle confezioni di verdura per il ritiro del mercoledì mattina che in occasioni di rappresentanza e pubbliche relazioni come ad esempio a Fa la Cosa Giusta! Umbria tenutasi a Bastia dal 3 al 5 ottobre, dove 5 soci si sono organizzati in turni per supportare il lavoro di Aiab agli stand.

Aiab e il GODO sono comunque giunti a configurarsi come una vera piattaforma di distribuzione e chi acquista delega all’associazione tutte le questioni e i problemi che appartengono alle fasi precedenti al ritiro della spesa. È dunque arrivato il momento di superare l’attuale modalità di gestione ed avvicinarsi ad una più simile a negozio specializzato? Se si, come ci si comporterà con i gruppi d’acquisto periferici? Ci sarà la possibilità di mantenerli in vita o dovranno ristrutturarsi, magari puntando a forniture locali e quindi alla creazione di un’economia che ancora meglio vada nella direzione dello sviluppo delle aziende bio del territorio?

Se tutto ciò dovesse avvenire, probabilmente avrà dei costi di gestione maggiori, a partire dalle persone che dovranno occuparsi del punto vendita, passando per la ricerca di spazi più adeguati ad una simile attività, fino alla gestione degli scarti visto che non ci sarà più soltanto una fornitura mirata grazie all’attuale ordine preventivo via internet. Un aumento proposto dal comitato di valutazione riguarda le quote associative per i produttori. Tra l’altro tale operazione quest’anno è già avvenuta in tutte le strutture regionali di Aiab, ma noi in Umbria abbiamo voluto lasciare la quota invariata per amore del nostro popolo!

Un’altra questione strettamente legata a tutto ciò riguarda la necessità di aumentare la base associativa dei produttori visto che sono sempre minori i quantitativi di frutta e verdura reperibili in regione: attualmente sono 5 le aziende umbre che forniscono al GODO gli ortaggi, 2 ci portano la frutta mentre per garantire ai consumatori una offerta che sappia soddisfare le esigenze di una spesa familiare, è ancora necessario il supporto del distributore Biobox.

Un nuovo problema riscontrato da alcuni soci è la quantità minima acquistabile di un chilo per lo sfuso che viene considerata sovrabbondante: già con i limoni è stata dimezzata, quindi alla richiesta del mezzo chilo anche per altre referenze dello sfuso (come ad esempio le insalate), l’organizzazione risponde con la possibilità di ridurre la confezione da chilo nel caso in cui per il consumatore risulti abbondante.

Copyright 2017 AIAB UMBRIA

Via delle Caravelle, 8/A - 06127 Perugia

P. I. 02754690549

Menu footer:

Contatti  |  Diventa socio  |  Chi siamo