AIAB Umbria AIAB UMBRIA associazione italiana per l’agricoltura biologica

Menu header:

Home  |  Contatti

Sei in :   Home  /  News  /  Eletto il nuovo Consiglio direttivo per il triennio 2021 – 2023.

07/07/2021

Eletto il nuovo Consiglio direttivo per il triennio 2021 – 2023.

Aiab Umbria ha eletto il proprio Consiglio direttivo per il triennio 2021 – 2023, nel corso della sua assemblea annuale del 20 giugno 2021.
A farne parte sono, in ordine alfabetico (tra parentesi la componente associativa): Alessandra Bircolotti (socia), Andrea Chioini (socio), Alessandra Florio (socia), Giovanni Martelloni (produttore), Giulio Massini (produttore - tecnico), Lucia Nunzi (tecnica), Pier Francesco Pennazzi (produttore), Giampiero Rossi (produttore), Massimo Santucci (tecnico), Vincenzo Vizioli (tecnico/produttore).

Il Consiglio direttivo,  nella riunione del 29 giugno, ha eletto Vincenzo Vizioli come presidente che, nel suo intervento ha tracciato il quadro di una situazione dagli elementi contraddittori:
- la produzione agricola bio ha continuato a crescere anche in periodo pandemico generando una contro-tendenza costante in un quadro economico “critico”: la domanda di prodotti sani e buoni ha assunto una dimensione di massa richiamando i grandi potentati distributivi;
- L’accordo raggiunto sulla nuova Politica agricola comunitaria (Pac), accoglie le posizioni di retroguardia delle associazioni di categoria che cancellano le aspettative di chi voleva mettere al centro e incentivare il ruolo dell’agricoltura biologica per il contrasto  nel risparmio energetico, nella salvaguardia della risorsa idrica, nella diffusione di stili alimentari a salvaguardia della salute umana;
- Resta ancora un piccolo margine di recupero con le scelte politiche che faranno le Regioni e soprattutto nelle decisioni della conferenza Stato – Regioni diventata il punto di snodo della Pac nei vari territori, anche per evitare le  sperequazioni (vedi Umbria) nel riparto dei fondi che guarda al bio come a un’anomalia fastidiosa per gli equilibri politico – associativi maturati nell’ultimo mezzo secolo;
- il ruolo ancora sottovalutato delle imprese attive in alta collina e montagna, ultimi presìdi contro il dissesto idro-geologico e l’emorragia della popolazione nelle cosiddette “aree marginali”.

A fronte di questo quadro l’azione di Aiab nel prossimo triennio si consoliderà sull’intero territorio regionale grazie al distretto biologico delle “Colline silenti” in provincia di Terni : Acquasparta, Amelia, Avigliano Umbro, Montecastrilli, San Gemini, Narni e Massa Martana

Il Consiglio direttivo di Aiab opera secondo il metodo delle commissioni di lavoro per l’insieme dei settori in cui si è strutturata negli anni l’azione associativa:
- Gruppo Organizzato Domanda Offerta (Godo) attivo da oltre 15 anni forte di circa 200 utenti che ha messo in rete circa 70 aziende di produzione e distribuzione, in stragrande maggioranza con radici in Umbria. L’azione del Godo è ispirata dalla necessità di rafforzare la relazione produttore – consumatore: per questo si sta ripristinando il Comitato di valutazione che,  negli anni, ha consentito il miglioramento del servizio, in termini di qualità delle forniture e della convenienza in termini di costo produttivo - prezzo finale;
- aggiornamento di operatori e operatrici con la partecipazione alle iniziative di formazione sui mezzi tecnici;
- agricoltura sociale, con la partecipazione al Gruppo Operativo Agrisocial network, Misura 16.2 del Programma sviluppo rurale (Psr) Umbria, e la consulenza tecnica ed il supporto operativo per la realizzazione di laboratori di orticoltura biologica a beneficio di giovani in condizioni di fragilità del progetto Coltivare talenti realizzato nel comune di Torgiano;
- partecipazione al Gruppo Operativo GoBio, Misura 16.1 del Programma sviluppo rurale (Psr) Umbria, per l’innovazione della Bioagricoltura su scala regionale;
- formazione delle giovani generazioni con vari progetti: Servizio civile universale, Corpi europei di solidarietà, tirocini in convenzione col Dipartimento Dsa3 (agraria) di UniPg;
- campagna per l’introduzione di prodotti bio nelle mense scolastiche;
- consolidamento dei rapporti, anche sul territorio, con altre associazioni e partecipazione alle iniziative di tutela ambientale – agricola – alimentare promosse dalla rete di associazioni interlocutrici di Aiab (Legambiente, no ccs Gubbio ed altre);
- azioni di contrasto al caporalato in agricoltura con il progetto Filiere Bio -  Formare le Imprese alla Legalità, all’Inclusione a alla REsponsabilità sociale nelle filiere del BIOlogico - in partenariato con 9 altre Aiab regionali e capofila la sede federale;
- partecipazione al progetto di cooperazione internazionale Uchastie/Partecipazione che promuove la creazione di comunità inclusive e sostenibili a San Pietroburgo e nella regione di Leningrado attraverso le pratiche di agricoltura biologica e sociale.

[ leggi tutte ]

Copyright 2021 AIAB UMBRIA

San Mariano di Corciano
c/o Centro Commerciale IL GIRASOLE
Via Aldo Moro 40/44 - 06073 Perugia

P. I. 02754690549

Menu footer:

Privacy  |  Contatti  |  Diventa socio  |  Chi siamo  |  Cookie Policy